Giu 20

Campionato Regionale Olimpico junior, senior master

Francesco Toso Campione Regionale OL-SM.

Sono passate solo poche ore dal fischio finale del Trofeo del 40° ed eccoci ancora pronti per un’altra sfida.
Oggi è di scena il Campionato Regionale Olimpico riservato alle classi junior, senior e master.

Le pochissime ore di sonno sono bastate per ricaricare le batterie degli organizzatori e dei temerari che hanno tirato fino a notte fonda.

Il cielo è ancora grigio. Da più di ventiquattro ore non piove e questo è già un record. Gli sguardi degli arcieri tengono sotto controllo lo spostamento delle nuvole e le giacche impermeabili sono a portata di mano.

Al termine della fase di qualifica Francesco Toso è il neo campione regionale seniores. Dopo una gara sul filo del rasoio Francesco chiude in perfetta parità con Giorgio Cazzaniga degli Arcieri Varese ma vince per differenza ori (15-13).
Per gli altri due atleti degli Arcieri del Sole in gara da segnalare il 30° posto per Luca Trinchinetti e il 42° di Ivan Peresson.

La giornata si chiude con un tempismo perfetto e soprattutto senza pioggia. Vuoi vedere che forse sta arrivando l’estate?

Permalink link a questo articolo: http://www.arcieridelsole.it/campionato-regionale-olimpico-junior-senior-master/

Giu 20

Trofeo del 40° alla memoria di Sergio Padovan

ENZ_7172

Arianna Padovan consegna il trofeo in memoria di suo padre al vincitore.

La memoria di Sergio Padovan non poteva essere ricordata in modo migliore se non facendo salire sul podio del Trofeo del 40° tanti Arcieri del Sole, in particolare il primo posto della figlia, Arianna che ancora una volta avrebbe reso orgoglioso suo padre. Ma vediamo nel dettaglio la gara.
Il cielo plumbeo non promette niente di buono ma il vento lascia ben sperare e le nuvole che prima si sono addensate su Solaro, pian piano si spostano a est senza lasciar cadere nemmeno una goccia.
La gara notturna inizia come tutte le altre e nessuno si accorge che prima del fischio d’inizio si sono accesi 44 fari. Le volèe si susseguono una dopo l’altra senza intoppi, la luce del giorno pian piano si affievolisce ma sul campo illuminato a giorno non cambia nulla. Termina la gara di qualifica col calare della sera ecco i primi podi in onore di Sergio.

Nella divisione olimpico senior maschile la classifica vede i primi cinque posti ipotecati dagli Arcieri del Sole con: Francesco Toso 1°, Andrea Belci 2°, Andrea Beraldo 3°, Luca Trinchinetti 4° e Ivan Peresson 5°. Primo posto anche nella classifica a squadre per Toso, Belci, Beraldo.
Nei senior femminile 1° posto per Arianna Padovan.
Nell’olimpico ragazzi, 1° posto per Helena Vassallo e nel maschile 2° posto per Mattia Palmieri. Primo posto anche nella classifica a squadre per Mattia Palmieri, Mirco Gagliano e Valerio Spagnolo.
Nel compound master maschile 1° posto per Pasquale Vassallo e 2° posto per la squadra con Pasquale Vassallo, Paolo Vaghi e Genova Giovanni.
La gara è poi proseguita con gli scontri diretti per l’assegnazione degli assoluti e anche qui i nostri atleti si sono difesi alla grande.
Nell’olimpico senior maschile è ancora il terzetto vincente delle qualifiche a ipotecare il podio con: Francesco Toso 1°, Andrea Belci 2°, Andrea Beraldo 3°.
3° posto per Arianna Padovan negli assoluti senior femminile, 2° posto negli assoluti ragazzi maschile per Mattia Palmieri e 3° posto nel femminile per Helena Vassallo e nel maschile per Mirco Gagliano.
Un inaspettato 3 posto nell’assoluto compound maschile a squadre con l’insolito terzetto composto da Pasquale Vassallo 100% compound, Paolo Vaghi 40% compound e 60% olimpico e Giovanni Genova 95% arco nudo 3% longbow e 2% compound.

Il trofeo del 40° in menoria di Sergio Padovan è stato assegnato all’arciere che più si è avvicinato al record italiano della sua categoria. Vincitore di questa edizione è Daniele Pasta degli Arcieri Mirasole Città di Opera che è arrivato a -15 punti dal record della categoria ragazzi maschile olimpico.

Pochi minuti prima delle due, orario decisamente insolito per una gara di tiro con l’arco, si sono spente le luci su questo Trofeo del 40° lasciando sugli organizzatori molta stanchezza ma soprattutto tanta soddisfazione per i complimenti ricevuti da più parti.

Permalink link a questo articolo: http://www.arcieridelsole.it/trofeo-del-40-alla-memoria-di-sergio-padovan/

Giu 20

Quel fantastico weekend arcieristico

Notturna SolaroDue giorni, due gare. Tanta fatica, tanta stanchezza, tante strette di mano, tanti arcieri che hanno voluto esserci per questo tradizionale appuntamento di metà giugno. Questo appena trascorso sarà ricordato come un weekend estenuante, faticosissimo ma soprattutto riuscitissimo.
La preparazione ha visto impegnati “i soliti noti” già da metà settimana per rendere il lavoro di montaggio del campo gara il più agevole possibile. Sabato mattina hanno avuto inizio i lavori di squadratura del campo con la predisposizione dei paglioni, delle piazzole di tiro, delle aree di riposo per gli atleti e l’area ristoro.

Sabato 18 giugno alle 16.30 ha avuto inizio la maratona arcieristica che ci ha visti impegnati fino a domenica sera quando alle 20.00 circa abbiamo lasciato finalmente il centro sportivo.

Con la  gara notturna di sabato ovvero il Trofeo del 40°, abbiamo voluto ricordare Sergio Padovan che proprio lo scorso anno in questa occasione ha diretto la sua ultima gara sotto un diluvio che non ha dato nemmeno un minuto di tregua. E sicuramente dobbiamo ringraziare Sergio che da lassù quest’anno ha messo una buona parola per noi perché questo weekend passasse tranquillo senza acquazzoni e così è stato.

Grande successo sia per la gara notturna con la partecipazione di oltre cento arcieri provenienti da tutta la regione, dal Piemonte e dal Canton Ticino, sia del Campionato Regionale riservato alle classi Juniores, Seniores e Master della divisione olimpica.

Un caloroso ringraziamento va ai pochi ma validissimi soci che hanno dato un grossissimo aiuto prima, durante e dopo la manifestazione. Come sempre dobbiamo ringraziare l’Universal Solaro che ci ha messo a disposizione il campo dove si sono svolte le gare e giriamo i complimenti che ci sono stati fatti per la cura del manto erboso che fa invidia a un campo da golf.

Unica nota stonata della manifestazione, alcune scelte sbagliate di persone abituate a prendere decisioni stando sedute ad una scrivania che ci hanno imposto di far passare il pubblico anche dall’ingresso di via Borromeo senza tenere conto dei rischi e dei pericoli che questo comporta quando un centinaio di arcieri tirano proprio in quella direzione. Questa decisione senza senso ci ha obbligato a staccare del personale che sarebbe servito sul campo di gara, per regolare il flusso di persone facendole passare durante le pause tra una volèe e l’altra. Fortunatamente gli arcieri hanno avuto una mira infallibile e non è successo niente ma se così non fosse stato chi si sarebbe assunto la responsabilità di quella decisione assurda? Una cosa è certa, io questo articolo l’avrei scritto da una cella di San Vittore.

 

Permalink link a questo articolo: http://www.arcieridelsole.it/quel-fantastico-weekend-arcieristico/

Post precedenti «